Stelle

Evviva i single, anzi no: le armi stellari per conquistare chi vi piace

Pensate ancora che vivere senza amore sia come vegetare, vero? E va bene, liberissimi di rovinarvi la vita come vi pare. Ecco allora qualche consiglio per conquistare (e tenervi) chi vi fa battere il cuore seguendo i semplici, ma efficacissimi consigli delle stelle.

Non vi è piaciuto, ieri, festeggiare San Valentino?

Bene, io oggi celebro San Faustino e tutta la sua capacità di rappresentare le ragioni dei single, nel cui esercito – in espansione continua – ci sono anche io, felice e contenta: lo giuro su “Sex and the City” e sulla mia eroina Carrie Bradshaw, che non a torto era convinta di aver trovato l’anima gemella nelle sue amiche (oltre a Mr Big, però).  Sarà l’esperienza, sarà l’età (non sono più trentenne, anche se –  lo so – voi avreste detto il contrario 😬😬😬), ma sono sempre più convinta del fatto che

o si trova l’Amore con la A maiuscola, e allora val la pena mandare all’aria tutto,oppure meglio stare soli, single e contenti.

Leros Leda Cesari Rosaria Bianco single gattoCircondati magari da uno stuolo di gatti (io ne ho cinque), amici (una legione, grazie a Dio), libri e dischi (anche il signor Amazon è diventato ricco grazie a me). E liberi di fare quel che si vuole: mi va di farmi mille chilometri per andare a vedere un concerto dei Duran Duran? Lo faccio, senza rendere conto a nessuno.

Sono, insomma, una donna felice e soddisfatta, anche se (o forse proprio perché?) single…

Non vi ho convinti, eh? Pensate ancora che vivere senza amore sia come vegetare, vero? E va bene, liberissimi di rovinarvi la vita come vi pare. Ecco allora qualche consiglio per conquistare (e tenervi) chi vi fa battere il cuore seguendo i semplici, ma efficacissimi consigli delle stelle.

Ma prima segnatevi questo appuntamento:  domenica 25 febbraio dalle 18 alle 20, presso la Fondazione Palmieri di Lecce, parleremo di anime gemelle e dintorni, con la complicità di Dora Garzya, in un incontro organizzato da Daria Vernaleone ed Emanuela Palamà proprio sul tema della relazione amorosa: interverranno anche Maria Vittoria dell’Anna, docente di Linguistica italiana presso l’Università del Salento, Salvatore Polito, docente di Letteratura e storico d’arte, noi – modestamente – e poi, con un suo monologo, il magistrato e regista teatrale Salvatore Cosentino.

leros locandina anima gemella leda cesari rosaria bianco

Eccovi i consigli 😉

Se vi piace un Ariete dovete per esempio sapere che è una persona di gusti abbastanza semplici, quasi rustici, e che vuole tutto e subito: quel che gli piace se lo prende. O almeno ci prova. E poi, una volta “servitosi”, molla in genere la presa: perché l’Ariete, segno che apre il ciclo zodiacale con la primavera, è governato da Marte (e Plutone) ed è un segno di Fuoco. Di un fuoco che si esaurisce abbastanza presto, però: potrebbe sembrare di star morendo per voi e poi, dopo aver ottenuto ciò che vuole, abbandonarvi senza neanche troppe spiegazioni. Per farlo impazzire, quindi, vale la vecchia regola: resistere, resistere, resistere il più possibile alle sue profferte amorose.  Non cedere neppure se vi promette che vi sposerà. Qualche Ariete, dopo un po’, si stuferà e lascerà il campo; quello davvero innamorato attenderà che vi scongeliate. E poi sarà tutta passione. Soprattutto se siete grandi sportivi: proponetegli una maratona di New York e vi butterà subito sul letto.

Vi siete innamorati di un Toro? Allora ad armarvi di santa pazienza dovrete essere voi. Perché il secondo segno dello Zodiaco, figlio di Venere e dell’elemento Terra,  è piuttosto lento a scaldarsi: è un diesel. Quando capirà quindi che siete interessati a lui/lei potrebbe metterci un po’ a studiarvi, oppure – siccome è il buongustaio delle stelle, da tutti i punti di vista – concedersi fisicamente, ma non con il cuore. Per possederlo definitivamente, in sostanza, nulla di meglio che tirare fuori quello che lui/lei considera attrattiva irresistibile: un’abilità culinaria senza pari (arma infallibile con un Toro), un grande talento a letto (idem), una bella voce suadente o un bell’istinto musicale, (perché in genere il Toro stesso ha una voce ineguagliabile e grande senso della musica), un grande amore per gli animali (ama la natura sopra ogni cosa). In presenza di una di queste condizioni (o più), sarà vostro/a  per sempre. Corna comprese.

Gemelli? Ahi ahi ahi ahi! Nel senso che, una volta “occupatolo”, non vi annoierete mai: perché è l’intellettuale dello Zodiaco, governato da Mercurio e dall’elemento Aria. Una persona capace di conversare su ogni argomento, curiosa come una scimmia ed interessata praticamente a tutto, salvo poi stufarsene e passare più avanti. Ed è anche il multitasking del cerchio zodiacale: assomiglia un po’ alla dea Kalì e può fare mille cose contemporaneamente (leggere, guardare la televisione, parlare al telefono, e magari tenere il piede in due scarpe). Per appropriarvene in via definitiva, quindi, la prima regola è non annoiarlo, perché potrebbe defilarsi. Dovrete quindi studiare: essere amabili conversatori, frequentatori di mostre e convegni, fornitori ufficiali di stimoli mentali sempre nuovi e diversi. Vi toccherà incuriosirlo di continuo, insomma: perché altrimenti non “partirebbe” neanche sessualmente, mentre potrebbe defilarsi appunto per sempre. Astenersi quindi gente che non legge, non studia, non si informa: non ci provate neppure, o saranno dolori.

Istinto materno? Vocazione per la famiglia? Pantofolai impenitenti? Un Cancro è quello che fa per voi, e se non ci avete mai pensato ve lo suggeriamo noi. Perché l’amabile figlio della Luna è così: casalingo per vocazione. Bambino eterno per istinto. Amante del focolare, della casa, della famiglia per Dna. Quindi, per concupirlo, fategli capire che non siete interessati alla vita mondana, che vi piacciono solo le passeggiate al chiar di luna, che non volete giusto qualche figlio ma una squadra di calcio, che siete amanti della patria, delle tradizioni e dei ricordi, e che non vedete l’ora di passare tutti i Natali a venire davanti al caminetto, ad ammirare l’album della sua famiglia con entusiasmo sempre nuovo. E, soprattutto, fategli notare che bella e brava mamma che ha: l’avrete rapito per sempre, perché  lui/lei –  il Cancro – ha soltanto una divinità da adorare: la Mamma, appunto. Peggio per voi, insomma.

Per conquistare un Leone, si sa, la regola è aurea: fargli credere di essere davvero il centro dell’universo. Il re della foresta, è noto, è infatti vanesio come nessun altro segno dello Zodiaco: governato dal Sole, signore del sistema solare, nasconde però profonde insicurezze che vanno colmate appunto con continue rassicurazioni: “Sei il più bello/la più bella del mondo”, “Nessuno è come te”, “Ma come ho fatto a vivere finora senza averti accanto?”, etc etc. E se siete deboli di corde vocali attrezzatevi con un bel registratore, perché il compito – mi rendo conto – è gravoso. Certo, sarete ricambiati con grande passione e generosità: quando è in vena il Leone è capace di gesti portentosi, come grandi regali e promesse d’amore eterno. Ma sappiate che, come canta Noemi, (a volte) sono solo parole: il fuoco leonino brucia presto. E poi potrebbe sempre incontrare qualcuno che gli dica “Sei il più bello del reame” con più convinzione di voi. Occhio.

Se avete una farmacia sotto casa, fate la doccia tre volte al giorno e passate la giornata a pareggiare l’altezza degli asciugamani del bagno (come constatava a sue spese la povera Julia Roberts in “A letto con il nemico”), sappiate che la Vergine è pane per i vostri denti. Lo sapevate già? Allora basta appunto che ostentiate queste vostre doti e il gioco sarà fatto. Perché la Vergine è spesso ipocondriaca, fissata con l’igiene (ricordate le mascherine e i guanti di Michael Jackson? Vergine, appunto) e capace di inscenare un dramma totale se trova le carte sulla sua scrivania spostate di un millimetro (le misura, giuro). Se siete disordinati, caotici e trasandati, quindi, vi conviene rinunciare, perché altrimenti saranno guai seri. Per voi, ovviamente: governato da Mercurio, intelligenza analitica e un po’ ruminante, difficilmente recede dalle sue posizioni, per testardaggine da segno di Terra. Più facile che diventiate precisi, ordinati, maniacalmente puntuali voi: ma vi conviene?

Ecco un segno che fa in genere dello stare in coppia e della ricerca dell’armonia una ragione di vita. La Bilancia, governata da un’elegantissima Venere, è infatti personcina che ha bisogno del rapporto con l’altro per vivere bene. Essendo però la sua Venere estremamente estetizzante, e il suo elemento la rarefatta e leggerissima Aria, non pensate minimamente a cercare l’approccio parati come alberi di Natale, vestiti con colori sgargianti o con corteggiamenti plateali e spicciativi: verreste immediatamente respinti al mittente, e senza neanche troppe spiegazioni. Perché la Bilancia ama la sobrietà, l’astrattezza, l’understatement, e il suo innato senso per l’arte e il fashion verrebbero irrimediabilmente devastati di fronte ad avances troppo insistenti, per esempio, e mise poco cool. Se non siete in grado di offrire garanzie su questo, quindi, cercatevi uno stilista (di quelli davvero tali), fate un corso di dizione, andate a scuola di galateo. Funzionerà: garantito.

Avete letto quello ho appena detto della Bilancia? Ecco, buttatelo a mare, e fate esattamente il contrario. Lo Scorpione, amabile (!) figlio di Marte e Plutone (e ho detto tutto), ama infatti le sensazioni forti, l’adrenalina, l’odore della battaglia, il sangue, la sua Acqua un po’ torbida. Per conquistarlo e tenerselo stretto, quindi, tutto serve tranne che la delicatezza e i bei modi. Più lo strapazzerete, anzi, più vi verrà dietro: a patto però che abbiate già superato la soglia del suo interesse, altrimenti non vi noterà neppure. Dovrete inoltre essere molto bravi a capire – per questo vi sto avvisando per tempo – che spesso afferma una cosa e sta ragionando esattamente sul contrario, perché non dà mai a vedere quello che pensa realmente. Se vi sta dicendo che non gli piacete granché, per esempio, vi sta in realtà confessando di essere molto, molto interessato a voi. A quel punto, quindi, necessita di una bella botta di adrenalina, ciò che lo fa sentire immensamente vivo (regola che, attenzione, varrà per tutta la durata del rapporto). Rispondetegli: “Ma infatti io non sono interessato/a a te, ma al tuo amico/a”. A quel punto sarà pazzo di voi.

Ohhh, il Sagittario….. c’è di che divertirsi. Questo segno, infatti, è in genere sempre di buonumore (a meno che non abbia valori scorpionici). Basterà quindi proporgli belle avventure da vivere, begli spostamenti da condividere (è un viaggiatore nato), e cadrà ai vostri piedi. E se non avete soldi per girare il mondo fisicamente, niente paura: questo figlio di Giove, perennemente innamorato della vita e delle persone (è in genere un grande filantropo), ha molta confidenza con le dimensioni più spirituali dell’esistenza, quindi potrà utilmente essere coinvolto (se non lo è già, e quindi sarà lui/lei a coinvolgere voi) in interessantissimi seminari sullo sciamanesimo, corsi di yoga, settimane dedicate all’astrologia (perché no?), incontri sulla regressione nelle vite passate con Brian Weiss (se ha valori scorpionici ci andrà a nozze). Vi conviene insomma titillare il suo interesse su questi argomenti, anche perché, essendo un segno di Fuoco, ha bisogno di combustibile continuo per tenere accesa una relazione. Auguri.

Non fiori, ma opere di business. Serve strategia per scongelare l’algido Capricorno, che all’inizio sembra impastato con la diffidenza e con la necessità di ponderare bene ogni aspetto del vostro incontro. Questo taciturno figlio di Saturno (appunto), e un po’ anche di Urano, è sempre molto concentrato infatti sugli aspetti pratici della vita: la carriera, gli affari, la sua realizzazione personale. Proponetegli un master per imparare  a tenere sott’occhio la contabilità domestica, quindi, e vi chiederà subito di sposarlo. Voi, mi raccomando, dite subito di sì e andate immediatamente a parlare col parroco/sindaco: un partner Capricorno, se amate le relazioni stabili (e anche un po’ la routine), è un consorte fedele, affidabile e ideale appunto per governare al meglio i bilanci familiari (non a caso si nasce segni di Terra). E mi raccomando, non fate vedere subito che avete le mani bucate, che lasciate aperti i rubinetti e accese le luci di casa, che non controllate minuziosamente le bollette: chiederebbe subito il divorzio.

Vi siete innamorati di un Acquario, ma non vuole impegnarsi? Niente paura: normale, normalissima amministrazione. Dov’è la notizia? Questo figlio di Urano (e Saturno), segno della più imprendibile Aria, non ha niente a cuore come la propria libertà. E la difende con i denti, come da copione. Voi, quindi, dovrete imparare a maneggiare il guinzaglio, ma senza averne l’aria: fategli capire che nessuno, mai nessuno potrà attentare alla vostra, di libertà, e comportatevi di conseguenza (o almeno fingete). E poi l’aspetto “social”,  fondamentale. Fate un po’ i figli dei fiori, gli amiconi del pianeta e di tutte le più alte cause umanitarie e ambientali: la foresta amazzonica, l’orso bruno, i problemi dei Maori e via dicendo. Andate a combattere con Greenpeace contro le baleniere, come in quel film – non mi ricordo il titolo – in cui Alessandro Preziosi tenta di conquistare Paola Cortellesi fingendosi appunto animato dai più nobili intenti nei confronti dell’Antartide (ma qual era il titolo del fim? Buio proprio).

Pesci, infine: facilissimo. Un gioco da ragazzi. Il motto di questo dodicesimo e ultimo segno d’Acqua, governato da Giove e Nettuno, è infatti “Io ti salverò”: è cronicamente innamorato dei casi umani e delle cause perse (infatti poi somatizza e sta malissimo). Presentatevi dunque al suo cospetto sbattuti, avviliti, bastonati a morte; raccontategli tutti i vostri problemi, rincarando la dose; lamentatevi di essere le persone più sfortunate della Terra, prese di mira dalla sfiga e dalla malasorte (se è davvero così sarete quindi molto convincenti), i reietti e derelitti del genere umano, e vedrete che – magicamente – si incendierà d’amore per voi. E che più andrete a fondo (o fingerete di farlo), più si incranierà a pensare di potervi salvare. Non ve lo schioderete più di dosso, insomma, neanche se poi lo lascerete in malo modo: anzi, vi ringrazierà. E si sentirà felice e contento di avervi salvati dal vostro stato di prostrazione. Al suo stato di prostrazione conseguente provvederanno, ben che vada, i Pink Floyd o l’eremo di Camaldoli.

Annunci

7 commenti su “Evviva i single, anzi no: le armi stellari per conquistare chi vi piace

  1. Sono d’accordissimo sui modi per conquistare un Leone. Il mio ragazzo lo è ed effettivamente mi ci ritrovo. 😉

    Piace a 1 persona

  2. In effetti la nostra brava Le non ne sbaglia una! 🙂

    Mi piace

  3. 🤔…… Cara Le …. qualche dubbio su quello che hai scritto mi viene…🤣🤣🤣🤣🤣😘

    Mi piace

  4. sei del Leone??? 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: