Moda Storie

Una corona “futuroRemoto” per la Madonna

Adesso ha “incoronato” pure la Madonna. No, non Madonna: “la” Madonna. E dopo cosa farà Gianni De Benedittis – il mio Gianni – guru creativo del brand “futuroRemoto”? Difficile arrivare più in alto, a dirla tutta, dopo aver “vestito” la testa della Regina del Mondo. Anzi, della Capitale del Mondo: la Madonna del Carmelo di Trastevere, a Roma. Insomma, what else?

Gianni collabora infatti da un sacco di tempo con la Maison Gattinoni e con Guillermo Mariotto, un altro personaggio che adoro: l’ho intervistato ed è proprio simpatico e sornione, non finge mica.

Leda Cesari Guillermo Mariotto Leros
io che intervisto Guillermo Mariotto un po’ di tempo fa

E siccome Mariotto è molto, molto devoto, ha accettato di vestire questa statua della Madonna e Roma e ha chiesto a Gianni di realizzare una corona in argento per la statua della Vergine che si trova nella Capitale, nella chiesa di Sant’Agata.

futuroRemoto 2

Guillermo Mariotto, direttore creativo della Maison Gattinoni dal 1993, è come già detto uomo profondamente devoto alla Vergine Maria;  di sua creazione i paramenti sacri donati a Papa Benedetto XVI nel 2007. Di qui il suo desiderio di rendere omaggio alla Madonna del Carmine, custodita nella Chiesa di Sant’Agata a Roma; proprio in occasione dei solenni festeggiamenti dello scorso weekend in onore della Santa Vergine Mariotto ha deciso di realizzare le nuove vesti per la statua in legno di cedro del Libano che accoglie i devoti nella chiesa trasteverina.

futuroRemoto leros 6

Caratterizzata da incisioni raffiguranti il giglio araldico stilizzato, emblema di castità e purezza per la simbologia mariana, la corona è impreziosita da rubini cabochon incastonati nelle tessere che compongono il monile, rifinito da un bordo in argento martellato, bagnato in oro, che conferisce alla corona un’idea di solidità e fermezza. Per le vesti della Madonna Mariotto ha realizzato invece un abito in crepe cady di seta, ricco di dettagli e ricami di simbologie mariane, che ha richiesto oltre duemila ore di lavoro.

 

Il rosso carminio della bordatura della veste, interamente ricamata con cristalli, sta a rappresentare le violenze subite dalle donne; sulla cinta della stessa  una scritta, “Homines dolent violentia adversus mulieres”, a ricordare ancora una volta le sofferenze che caratterizzano la condizione femminile nel mondo.  Che non è delle più rosee: anzi. E per questo, forse, è davvero il caso di affidarsi alla Madonna. Ma non quella canterina: quella vera. O no?

 

Annunci

0 commenti su “Una corona “futuroRemoto” per la Madonna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: